Centri Informagiovani per la Provincia di Mantova

Menù

Dove sei: Homepage > Centri Informagiovani > Gonzaga > Viaggia con Noi > LATINOAMERICANA > BUENOS AIRES_ latinoamericana

BUENOS AIRES_ latinoamericana

 

BUENOS AIRES 

“Buenos Aires 4 gennaio; Giungemmo a Buenos Aires. Come già a casa mia, anche lì dovemmo ascoltare i commenti ironici su quel nostro viaggio, sulle possibilità di fallire o le solite chiacchiere sul fatto che, invece, avremmo dovuto rinunciare ai nostri progetti e camminare per la stessa strada che già loro avevano percorso. […] Il 4 gennaio partimmo, diretti verso la costa dell’Atlantico…” 

 

 

 

DESCRIZIONE DELLA CITTA'

 

E' una delle più grandi metropoli sudamericane e sede di uno dei maggiori porti del continente. Il nome di Buenos Aires viene tradizionalmente collegato al Santuario di Nostra Signora di Bonaria, che si trova presso Cagliari, in Sardegna. Secondo la leggenda, infatti,sarebbero  stati proprio alcuni marinai sardi, partiti da Cagliari, a raggiungere per primi la costa sudamericana nel punto dove fu fondata la città, a cui avrebbero posto il  nome di Buenos Aires in onore del  santuario da essi venerato in patria. Gli  abitanti della città di Buenos Aires  vengono chiamati porteños, mentre gli  abitanti della provincia di Buenos Aires  vengono chiamati bonaerenses.

 

 

LUOGHI DI INTERESSE

 

1) Plaza de Mayo:è la piazza principale di Buenos Aires e come tale rappresenta il centro della vita politica del paese.Il nome di questa piazza ha una storia un pochino travagliata alle sue spalle: nel 1580 Juan de Garay rifondò Buenos Aires a nord dell'accampamento di Pedro de Mendoza. In ossequio alle leggi spagnole, il condottiero tracciò il perimetro della grande Plaza del Fuerte (Piazza del Forte), che verrà in seguito chiamata Plaza del Mercato (Piazza del Mercato) e poi piazza de la Victoria dopo le vittorie contro gli invasori inglesi nel 1806 e 1807. La piazza prese infine il nome attuale di Plaza de Mayo dal mese in cui ebbe luogo la rivoluzione del 1810. Il Cabildo è uno dei principali edifici della città, prima sede del governo argentino e luogo da cui ebbe inizio la battaglia per l'indipendenza dalla Spagna. All'interno del palazzo c'è un piccolo museo che offre una bella vista su Plaza de Mayo. Anche la Catedral Metropolitana merita una visita, al suo interno vi si può trovare il corpo di San Martìn (generale e uomo politico argentino), le cui spoglie furono riportate in patria dopo la sua morte avvenuta in Francia. Al centro della piazza si trova la Piràmide de Mayo, sorta in origine nel 1811 come obelisco, costruito col fango e alto circa tredici metri e oggi rappresenta uno dei monumenti salienti del paese; essa è anche simbolo nazionale argentino poiché essa simboleggia la rivoluzione argentina del maggio del 1810.

 

2) Central metropolitana: La cattedrale si affaccia sulla Plaza de Mayo e rappresenta un importante punto di riferimento religioso della città, è pure un edificio storico significativo per tutta la nazione in quanto ospita la tomba di José de San Martìn, l'eroe venerato dagli Argentini. Durante il caos seguito dall’indipendenza del paese il santo scelse la via dell’esilio in Francia e non ritornò più alle coste natie. La cattedrale è legata al nostro Papa Francesco, egli era arcivescovo di Buenos Aires e responsabile della arcidiocesi. Infatti oggi all’interno della cattedrale c’è un piccolo museo con il nome di “cardinale Jorge Mario Bergoglio” dove sono esposti oggetti personali e liturgici usati durante la sua attività pastorale a Buenos Aires. L’edificio costruito in stile neoclassico ha un profilo che non è comunemente utilizzato nelle cattedrali perché non ha torri ed è più come un tempio greco. Le dodici colonne della facciata rappresentano gli apostoli di Gesù. L’interno ha cinque navate e una cupola che raggiunge un’altezza di 41 metri.

3) Palacio del Congresso: Questo edificio è stato ispirato al Campidoglio di Washington DC e portato a termine nel 1906. Al suo interno si svolgono le funzioni politiche del paese e si trovano il Senato e la camera dei Deputati argentini. Il palazzo si manifesta in tutta la sua monumentalità in stile greco-romano con la sua ambiziosa cupola che raggiunge gli 80 metri di altezza. 

 


 

4) Teatro Colòn: sin dalla sua inaugurazione, avvenuta nel 1908, questo edificio stupisce i visitatori per la sua struttura complessa e avveniristica, in grado di ospitare opere, balletti e concerti di musica classica. Questo teatro importantissimo occupa con i suoi sette piani un intero isolato; vi sono 2500 posti a sedere oltre ad altri mille posti in piedi. Nell’atrio del teatro si possono trovare un piccolo museo molto popolare, dove sono esposti costumi, strumenti musicali e fotografie di artisti e spettacoli. Il teatro Colòn è da considerarsi uno dei più grandi teatri al mondo simbolo di tanto orgoglio per i partenopei. Sul suo palcoscenico si sono esibiti grandi artisti tra cui Enrico Caruso, Luciano Pavarotti e Arturo Toscanini. 

 

PIATTI TIPICI

 

1) I Caffè:sono molto importanti per la società argentina in generale e per i portenos in particolare, che trascorrono ore e ore a cercare di risolvere i propri problemi e quelli del paese e del mondo intero giocando a scacchi e bevendo un cortado (caffè) economico in uno di questi locali.

2) Locro: È una zuppa tradizionale di cui, come capita spesso con queste ricette, ne esistono infinite varianti. Normalmente si prepara con mais e “zapallo” (zucca) ed include differenti carni fra le quali si contano la pancetta, la trippa e la salsiccia. È un piatto molto nutritivo e tipico della stagione invernale, e viene cotto per ore a fuoco lento. È d’abitudine però consumarlo anche il 25 di maggio, il giorno in cui si commemora il primo governo argentino.

3) Empanada argentina: È un tipo di pietanza da rosticceria, chiusa su se stessa, a forma di mezzaluna, simile al panzerotto. Di origine spagnola, questo è uno dei piatti più tipici argentini, che non manca mai nelle tavole durante le feste. Fritte o al forno, le empanadas si preparano in modi diversi a seconda della regione. Anche il ripieno cambia a seconda del luogo di preparazione, ma i più popolari restano quelli a base di carne, mais, cipolla o formaggio.

Ultimo aggiornamento: 20-06-2017

Plastic Jumper srls, realizzazione siti internet