Centri Informagiovani per la Provincia di Mantova

Menù

Dove sei: Homepage > Centri Informagiovani > Gonzaga > Viaggia con Noi > LA MORTE A VENEZIA

LA MORTE A VENEZIA

Una Venezia affascinante, molto bizantineggiante ed esotica, fa da sfondo all’ultima avventura di Gustav Von Aschenbach, artista al culmine del successo internazionale. Una smaniosa “ansia di cose nuove e lontane, quella sete di sentirsi libero, sciolto da fardelli, dimentico di ogni cosa, altro non erano che un impulso a fuggire, ad abbandonare il lavoro” lo porta ad intraprendere un viaggio catartico nella laguna. È la città che, con i suoi canali, le sue gondole e gli splendidi palazzi rinascimentali, fa da cornice perfetta all’amore omosessuale che lega il protagonista ad un fanciullo quattordicenne di origine polacca, Tadzio, in viaggio con la sua famiglia.

Ph. Sara Algeri

"Ah, Venezia! Città meravigliosa! Città piena di fascino! Nessuna persona istruita può resistere all’attrattiva dei suoi ricordi storici e della sue bellezze presenti."

 

THOMAS MANN E VENEZIA

 

Scrive Mann, nel Saggio autobiografico, riferendosi al suo viaggio a Venezia, insieme con la moglie Katia, del maggio 1911: «Una serie di curiose circostanze dovette coincidere con la segreta ricerca di cose nuove, perché ne risultasse un’idea feconda, che fu poi attuata con il titolo di La morte a Venezia». E più oltre: «Anche ne La morte a Venezia non vi è nulla di inventato: il viaggiatore nel cimitero di Monaco, la tetra nave polesana, il vecchio bellimbusto, il gondoliere sospetto, e Tadzio e i suoi, la partenza fallita per lo scambio dei bagagli, il colera, l’onesto impiegato dell’ufficio viaggi, il maligno saltimbanco, o che so io; tutto era vero e bastava metterlo a posto perché rivelasse in modo stupefacente, la facoltà interpretativa della composizione». Mann era rimasto fortemente affascinato da un ragazzino; alcune figure di commercianti, commediografi e gondolieri sono stati incontrati nella realtà – la fonte è costituita dai diari della moglie Katja. I rapporti omosessuali sono stati, comunque, una costante del Thomas uomo e marito.

 

 

  

INDICE:

-LE CALLE E LA GONDOLA

-IL PONTE DEI SOSPIRI E L'HOTEL LES BAINS

-IL PONTE DI RIALTO E SAN MARCO

Ultimo aggiornamento: 28-12-2017

Plastic Jumper srls, realizzazione siti internet